Soluzioni per i professionisti

IFC Builder

Modello geometrico dell’edificio

Con IFC Builder è possibile importare modelli geometrici degli edifici in formato IFC o generarli direttamente nell’applicativo.

Modellazione in IFC Builder

La modellazione dell’edificio in IFC Builder può essere realizzata manualmente da zero, o con la possibilità di importazione di elaborati grafici in formato dxf, dwg, jpeg o bmp, che agevolano il processo di realizzazione del modello di calcolo.

L’utente può introdurre gli elementi costruttivi e strutturali dell’edificio (a seconda del tipo di calcolo da realizzare). La modellazione viene realizzata per piano in un ambiente di lavoro 2D, utilizzando elementi parametrici 3D.

È possibile visualizzare la vista 3D dell’edificio in qualsiasi momento, in modo tale che l’utente possa controllare l’avanzamento del processo di modellazione.

Importazione del modello da file IFC

Al momento di generare un nuovo progetto, è possibile importare un modello CAD/BIM in formato IFC generato da altri programmi come Allplan®, Archicad® e Revit®. Ciò permette di accedere in IFC Builder, ai dati dei programmi che utilizzano la tecnologia BIM (Building Information Modeling) e incorporare in maniera automatica gli elementi costruttivi dell’edificio.

Definizione dei locali

Una volta definito il modello dell’edificio (mediante l’importazione di modelli CAD/BIM, manualmente o combinando entrambi i procedimenti), è necessario definire i locali che lo compongono.

Dal menu Locali, con l’opzione Nuovo, è possibile generare una nuova tipologia di locale, che caratterizzerà tutti gli spazi delimitati da elementi costruttivi (fisici o virtuali), selezionati successivamente. In questo modo l’utente ha la possibilità di determinare uno o più tipi di locale, che caratterizzano tutti i locali corrispondenti (ad esempio camera 1, camera 2 e camera 3 definite nella tipologia CAMERE). Questo primo raggruppamento, realizzato per tipologia, permette all’utente di definire univocamente le caratteristiche di climatizzazione o di illuminazione (CYPETHERM LOADS, CYPETHERM HVAC, CYPELUX…) per tutti i locali appartenenti allo stesso tipo.

Zonizzazione del progetto

Una volta terminata la definizione dei locali dell’edificio, è possibile realizzare la suddivisione in zone termiche, che includono i locali, di varie tipologie, che compongono una unità immobiliare o di parte di essa. Le zone termiche possono essere caratterizzate, a seconda del programma di calcolo che si sta utilizzando, per destinazione d’uso, presenza o meno di impianti di climatizzazione e di illuminazione, come appartenenti o meno alle ipotesi di calcolo dei carichi termici (CYPETHERM C.E., CYPETHERM LOADS, CYPETHERM HVAC, CYPETHERM EPlus, CYPELUX…).

Un tipo di raggruppamento di un edificio bifamiliare potrebbe quindi essere realizzato come segue:

  • Definizione di 4 tipologie che raggruppano, per caratteristiche simili, i 16 locali dell’edificio:
    • CAMERE, che caratterizza le 6 camere da letto dell’edificio.
    • BAGNI, che caratterizza i 4 bagni dell’edificio.
    • SALA/CUCINA, che caratterizza i 2 saloni e le 2 cucine dell’edificio.
    • AREE DI SERVIZIO, che caratterizza i 2 disimpegni dell’edificio.
  • Realizzazione di due zone/gruppi, Appartamento 1 e Appartamento 2, composti dai seguenti locali:
    • APPARTAMENTO 1:
      3 camere da letto
      2 bagni
      1 sala
      1 cucina
      1 disimpegno
    • APPARTAMENTO 2:
      3 camere da letto
      2 bagni
      1 sala
      1 cucina
      1 disimpegno

Verifica della geometria e individuazione degli spigoli

Prima di realizzare l’esportazione, è conveniente verificare che il modello parametrico definito non presenti alcun errore di modellazione. Nel menu Risultati è possibile trovare le opzioni di calcolo e verifica degli elementi geometrici e spaziali introdotti. Nello stesso menu a scomparsa è possibile, selezionando l’opzione Mostrare i risultati calcolati, visualizzare tutte le discontinuità dell’involucro che il programma trasmette, mediante l’esportazione in IFC4, ai programmi di calcolo, in modo che siano interpretati e gestiti come ponti termici lineari.

Esportazione in formato IFC

L’esportazione del modello può essere realizzata in varie versione del formato IFC Standard, o specifiche dei principali programmi CAD/BIM (Allplan®, Archicad® e Revit®) per integrarlo nel flusso di lavoro Open BIM.

Il formato di esportazione consigliato per poter utilizzare i software della Suite CYPETHERM a piene potenzialità, è il formato IFC4, che permette l’individuazione delle discontinuità del modello e delle adiacenze degli elementi costruttivi.

Permessi necessari nella licenza d’uso

IFC Builder è un’applicazione gratuita di CYPE; non è perciò necessario alcun permesso per poterla utilizzare.